Il Museo Nazionale Ungherese

Il Museo Nazionale
Budapest
Budapest

Il museo di stile neoclassico situato nel centro della città, nel quartiere del palazzo ci fa conoscere la storia ungherese partendo dalla preistoria, attraverso il medioevo, fino al cambio del regime politico e ai giorni d’oggi. Vale la pena visitarlo non soltanto per le mostre ma anche per il suo piacevole giardino.

Il Museo Nazionale è un edificio emblematico, luogo significativo della storia ungherese. Nel 1848 il paese non era uno stato sovrano ma faceva parte della Monarchia Asburgica ed era governato da Vienna. A partire dal 1820, in pieno periodo risorgimentale nacquero le prime aspirazioni per l’indipendenza che culminarono poi il 15 marzo 1848 proprio sulle scale del Museo Nazionale: qui tenne un discorso entusiasmante l’illustre poeta del romanticismo ungherese, Sándor Petőfi davanti ad una folla radunata nel giardino. La leggenda narra che Petőfi recitò il poema rivoluzionario, il Canto nazionale, un’immagine rimasta impressa nella memoria collettiva ungherese. In ogni caso, l’edificio è di importanza storica per ogni cittadino ungherese. 

Il museo si trova nel centro della città, nell’VIII° Distretto, il quartiere dei palazzi dove aristocratici e magnati benestanti fecero costruire residenze e palazzi splendidi e sontuosi, progettati da architetti rinomati. Potete ammirare questi palazzi nella loro intera bellezza anche oggi. L’edificio neoclassico del museo domina il panorama aristocratico della città e sormonta il giardino circostante risistemato l’anno scorso che offre ottime possibilità di riposo nel trambusto cittadino. Nel secolo XIX il primo parco pubblico della città fu particolarmente popolare tra i bambini, perciò è stato realizzato qui un parco giochi che emana l’atmosfera della fine del secolo XIX e ricorda il romanzo di Ferenc Molnár di fama mondiale, I ragazzi della via Pál, ambientato in questa zona. Il parco giochi accoglie i bambini con varie attrazioni tra cui un organo a rullo funzionante, un castello che ricorda una segheria a vapore, un trenino trainato da cavalli e un distributore di biglie. Il giardino è molto popolare tra gli universitari: la scalinata del museo è sempre affollata di studenti che si riposano al sole. 

Se vuoi conoscere la storia ungherese nei dettagli, non potresti scegliere un posto migliore. Il Museo Nazionale Ungherese custodisce milioni di opere d’arte e di preziosi reperti archeologici che ci fanno da guida illustrandoci il passato degli abitanti del bacino dei Carpazi e la storia della nazione ungherese, a partire dalla preistoria attraverso il medioevo fino al cambio del regime politico e ai giorni d’oggi. Qui potete ammirare tesori unici quali il mantello dell’incoronazione di Santo Stefano, fondatore dello stato ungherese o uno dei complessi di reperti più preziosi risalente al tardo Impero Romano contenente vasellame d’argento, il cosiddetto tesoro Seuso. 

VIAGGIA COME UN UNGHERESE