Magyar Magyar

La Chiesa di Mattia

La Chiesa di MattiaBudapestDintorni di Budapest

 L’edificio fu costruito nel secolo XIII come prima chiesa di Buda. Nella chiesa, che è uno degli esemplari più splendidi del gotico ungherese, anche i re partecipavano spesso alle messe nel medioevo. Il nome ufficiale è la chiesa dell’Assunzione del Castello di Buda, comunamente chiamata Chiesa di Mattia in quanto qui vi fu celebrato il matrimonio del re Mattia I ed anche il suo stemma fu ritrovato qui durante gli scavi.  

Un dettaglio medievale rimasto relativamente intatto è la porta di Maria costruita nel secolo XIV, un vero e proprio miracolo vista la storia tempestosa della chiesa. Dopo che nel 1541 i turchi occuparono Buda, la chiesa fu trasformata in moschea conformemente alla loro religione e spesso viene citata da fonti storiche col nome Grande moschea ossia moschea Büjük. 

Dopo la riconquista di Buda, avvenuta nel 1686 - quando l’intera Europa agì in modo unanime per cacciare via i turchi una volta per tutte - la chiesta fu ricostruita in chiesa cattolica, questa volta in stile barocco. Qui fu incoronata nel 1867 la coppia reale, l’imperatore Francesco Giuseppe I e sua moglie, la regina Elisabetta e poi Carlo IV, ultimo re d’Ungheria e sua moglie, la regina Zita nel 1916. Tuttavia tra questi due eventi la chiesa subì una completa trasformazione proprio come successe nel caso di Notre Dame. L’architetto ungherese Frigyes Schulek riteneva lo stile alto gotico la forma ideale della chiesa e così nacque la splendida versione neogotica visibile tuttora.

L’interno riccamente dipinto è stato realizzato in base ai resti medievali scoperti durante gli scavi, le piastrelle di ceramiche che decorano il tetto sono prodotte dalla famosa manifattura Zsolnay. L’edificio subì gravi danni nella seconda guerra mondiale, il tetto fu distrutto da un incendio, le volte si sfondarono in molti punti. I lavori di ricostruzione durarono fino agli anni ‘70. 

Oggi la chiesa, completamente rinnovata tra il 2004 e il 2013, oltre alla sua funzione sacrale, ospita concerti di musica classica ed è un’attrazione turistica popolare, parte del patrimonio dell’umanità in quanto appartiene al quartiere del Castello di Buda e del panorama di Buda. Nella sua immediata vicinanza si innalzano i Bastioni dei pescatori, opera di Frigyes Schulek da dove si apre uno dei panorami più splendidi sulla città e soprattutto sul Parlamento situato sul lato opposto del Danubio. Coloro che amano l’altezza, possono godere il panorama salendo sulla torre della chiesa.

VIAGGIA COME UN UNGHERESE